L’Incanto e lo Spavento - Insoliti itinerari tra storia e mito, tra luce e ombra a Bologna e dintorni

2-3d.gif
Formato: 15 x 21 cm
Pagine: 128 + Copertina in brossura
Edizione: Aprile 2009
Lingua: Italiano
Illustrazioni: 86 B/N
ISBN: 978-88-7381-254-8
Voti:

Carrello

Libro cartaceo
10,00
8,50 €
Tag:
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1

TRAMA
Toscano di nascita e bolognese per abitudine, Maurizio Catassi continua a seguire tracce e a inseguire storie che quelle impronte hanno lasciato. Dopo Il fascino e il mistero, e Il Segreto e la Sorpresa , sempre pubblicati da Minerva Edizioni, ecco questo terzo libro di itinerari bolognesi.
Piccoli viaggi dove non si corre il rischio di perdere l’orientamento, ma quello di sorprendersi. A differenza della bellezza sfacciata, o di facciata, di altri luoghi d’Italia, quella di Bologna fa di tutto per non mettersi in mostra. Preferisce nascondersi all’ombra di un portico, annidarsi nel silenzio di una chiesa o rivelarsi discreta nella quiete di una strada sui colli. A cercarla ci vuole più attenzione, ma scoprirla ti regala una sorpresa più grande. Servono passi lenti e un’errabonda curiosità. Si scoprono così storie e leggende che sanno regalare stupore.
Copriamo distanze che a volte hanno la lunghezza di un portico o l’affollamento di una piazza e in queste dimensioni il tempo non vola, ma scorre con lenta curiosità. Brevi itinerari che durano il tempo che trovano con passi che non inciampano nella fretta. Oggi come ieri, Storia e Geografia continuano ad andare a spasso insieme e in rispettoso silenzio e con vivace curiosità, noi cerchiamo di stargli appresso. Anche tra le piazze e lungo i portici di Bologna. O giù di lì. Itinerario 1. Ho visto un Re. Federico II stupì il mondo, suo figlio Enzo incantò i Bolognesi. Un itinerario tra i luoghi della storia e del mito di un Re biondo, di gentile aspetto e sfortunato.
Itinerario 2. Inquieti sguardi. Una passeggiata notturna a guardare sopra i muri e sotto i portici di Bologna. Quattro passi tra le antiche pietre della città in compagnia di inquietanti presenze e alla ricerca di creature mitiche.
Itinerario 3. Nera, seduta e santa. Dal peccato veniale di un mattino all’incontro con la santità di una vita. Tra Ferrara e Bologna, un piccolo viaggio tra preghiere e profezie,chiese e conventi, sfarzi di corte e claustrali silenzi.
Itinerario 4. La mia “montagnola”. Un nome arcano ovvero l’arcano di un nome. Quattro passi nel Parco della Lunetta Gamberini, tra Storia e memoria.
Itinerario 5. Sconosciuto, sacro, frainteso. È il volto di Gesù in croce. Di certo è quello più rappresentato, ma non è sempre stato così. Sulla scia di antichi simbolismi, opere d’arte e varianti leggendarie. 
COMMENTI

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna


CONDIVIDI la pagina

Dello stesso autore
Della stessa collana

Informazioni aggiuntive

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Policy Cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Policy Cookies. Cliccando su Attiva Cookies, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di più sui cookies che utilizziamo leggi le nostre policy cookies.

Accetto i cookies da questo sito.