Casa Saraceni. Una dimora immaginaria a Bologna

2-3d.gif
Formato: 24 x 30 cm
Pagine: 176 + Copertina cartonata con sovraccoperta
Immagini di Corrado Fanti
Edizione: Dicembre 2004
Lingua: Italiano
Illustrazioni: 100 a colori
ISBN: 978-88-7381-106-X
Voti:

Carrello

Libro cartaceo
35,00
29,75 €
Tag:
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1

TRAMA
Presentazione di Cesare de Seta

       La ‘Casa Saraceni’ rappresenta uno dei più nobili e fulgidi esempi dell’architettura rinascimentale bolognese. Il palazzo, che sorge nel cuore della città di Bologna, nell’attuale via Farini, ha una secolare storia che si intreccia con quella delle famiglie e delle istituzioni che più caratterizzarono le vicende cittadine. L’edificio, che si strutturò come dimora di famiglia nel XV secolo, mantenne le sue caratteristiche portanti per diversi secoli, nonostante i tanti proprietari e le svariate trasformazioni utilitaristiche che ne fecero, nel tempo, casa privata, pasticceria, museo, banca, prima di diventare sede della Fondazione Cassa di Risparmio.

Il ricco e prestigioso volume, curato da Beatrice Buscaroli Fabbri, testimoniando di questo carattere eclettico della ‘Casa Saraceni’, ne traccia l’intera vicenda concentrandosi in modo particolare sul rifacimento novecentesco che seguì l’acquisizione da parte del Credito Fondiario della Cassa di Risparmio.

Negli anni Trenta del Novecento, infatti, l’architettura degli interni venne completamente ristrutturata per adattare gli spazi alle nuove necessità. L’arredo e la decorazione pittorica delle sale furono compiute dall’ingegnere bolognese Augusto Baulina Paleotti e dal pittore Roberto Franzoni, ultimo rappresentante bolognese dello stile ‘floreale’, nell’ambito di un progetto di ‘decorazione totale’ che comprendeva il disegno dei mobili come quello delle vetrate, fino ad ogni minuto particolare, lasciando nelle sale principali dell’edificio un coltissimo esempio di decorazione in uno stile ‘neorinascimentale’ che unisce sequenze di elegantissime grottesche a pannelli dipinti con gusto raffinato di stile ‘eclettico’.

Il saggio della curatrice ricostruisce interamente la vicenda biografica di questo pittore che, pur avendo avuto un ruolo di primo piano all’interno dell’importante mostra sul Liberty bolognese, ha lasciato il suo sforzo più imponente in un edificio normalmente non accessibile al pubblico. Lo studio del suo lavoro, successivo al restauro dei dipinti compiuto nell’anno 2003, ci ha offerto dunque una nuova immagine di questo artista. Determinante in questo senso è stato il reperimento di un fondo di quarantuno disegni con schizzi e studi, alcuni dei quali preparatori alla decorazione stessa dell’edificio, che La Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna ha prontamente acquisito, costituendo un primo nucleo pubblico di opere del pittore che concluse a Bologna la stagione Liberty.

Il volume, presentato da Cesare De Seta, è completato dai contributi di Paola Foschi, Alberto Malfitano, Roberto Scannavini ed è accompagnato da una serie di bellissime immagini fotografiche appositamente realizzate da Corrado Fanti.
COMMENTI

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna


CONDIVIDI la pagina

Dello stesso autore

Informazioni aggiuntive

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Policy Cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Policy Cookies. Cliccando su Attiva Cookies, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di più sui cookies che utilizziamo leggi le nostre policy cookies.

Accetto i cookies da questo sito.