Rimini

Collana: Fotografia varia
2-3d.gif
Formato: 28 x 28 cm
Pagine: 156 + Copertina cartonata
Edizione: Novembre 2008
Lingua: Italiano
Illustrazioni: 150 a colori
ISBN: 978-88-7381-240-1
Autore: Liuzzi Luciano
Voti:

Carrello

Libro cartaceo
25,00
21,25 €
Tag:
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1

TRAMA
Testi di Pier Giorgio Pasini

Un volume di prestigio racconta Rimini, il suo presente e il suo passato, attraverso lo sguardo del fotografo riminese Luciano Liuzzi.

Sono 150 immagini a colori che descrivono la città, i suoi abitanti, le sue stagioni: il centro storico con i suoi monumenti e i palazzi storici; la periferia, anonima come tante periferie italiane; il mare, i pescatori, i turisti, ma anche un entroterra ridente e rigoglioso, con le sue rocche e i suoi piccoli borghi. Commento alle immagini è uno scritto di Pier Giorgio Pasini, storico dell’arte riminese tra i più affermati e conosciuti della città.
«...Una città - sembra suggerire il fotografo con i suoi scatti - che è da vivere in centro e in periferia, in tutte le stagioni e in tutte le ore, e a tutte le età. Certo lascia trasparire nel complesso, e forse involontariamente, una certa predilezione per la città feriale, quella che vive la quotidianità senza drammi e senza esaltazioni nelle lunghe stagioni non turistiche. Del resto è proprio allora che la città ritrova veramente la sua unità con la marina, e che ridiventa veramente dei riminesi. E ritorna naturale, con le sue ombre e le sue luci vere, con i suoi pregi e i suoi difetti non effimeri. è soprattutto questa la città che le fotografie di Luciano Liuzzi ci invitano a conoscere meglio: per il suo mare che le stagioni invernali restituiscono alla sua variata bellezza, per le sue strade e le sue piazze che le ore riempiono e svuotano, per i suoi monumenti che parlano di una lunga storia, per i suoi parchi verdissimi che nelle belle giornate offrono larga ospitalità a bambini e anziani, per i suoi modesti ritrovi e i suoi mercati in cui è possibile ritrovare sé e gli altri molto meglio che nei grandi raduni, per le sue tante attività artigianali, industriali e sportive. E per la campagna in cui sfuma la periferia, una campagna fertile che una volta costituiva la vera ricchezza della città, e che conserva ancora una bellezza che non è soggetta ai miti e alle mode, ma dipende solo dal lavoro costante dell’uomo e dall’avvicendarsi delle stagioni. E che custodisce gelosamente la memoria delle origini e della fortuna primigenia di questa Rimini, sempre fortemente amata “con scetticismo” dai suoi veri abitanti».

Da Elogio di Rimini e dei Riminesi, di Pier Giorgio Pasini.
COMMENTI

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna


CONDIVIDI la pagina

Dello stesso autore
Della stessa collana

Informazioni aggiuntive

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Policy Cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Policy Cookies. Cliccando su Attiva Cookies, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di più sui cookies che utilizziamo leggi le nostre policy cookies.

Accetto i cookies da questo sito.