L'Almanacco dei cinni

Collana: Storia
2-3d.gif
Formato: 15 x 21 cm
Pagine: Copertina in brossura con bandelle
Edizione: Dicembre 2009
Lingua: Italiano
Illustrazioni: B/N
ISBN: 978-88-7831-290-6
Voti:

Carrello

Libro cartaceo
12,00
10,20 €
A causa dell'attuale emergenza in corso, i tempi di spedizione potrebbero subire dei ritardi. Per informazioni e aggiornamenti sullo stato dell'ordine effettuato scrivete a: info@minervaedizioni.com
Tag:
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1

TRAMA
Traduzioni in dialetto bolognese di Fausto Carpani e Luigi Lepri
Foto di Walter Breveglieri

 

«Una volta il tempo scorreva lentamente, mica come adesso che soffia sempre il vento della fretta e della furia (...). A quel tempo c’erano pochissime automobili e al Caffè Sport si trovavano tanti omarini. I calciatori avevano sulle maglie numeriche andavano dall’uno all’undici, e alla televisione trasmettevano il primo o il secondo tempo della partita più importante. Nondimeno era il tempo dei cinni: bambini birichini, moccoloni e selvatici come il diavolo. I cinni giocavano con armi che si costruivano da soli: fucili e pistole di legno, frecce con stecchetti d’ombrello e piccole bombe al carburo. Innalzavano capanne segrete, rubavano ciliegie dagli alberi e facevano merenda alle quattro in punto mangiando fette di pane con burro e zucchero. I cinni si dividevano in due categorie: i piccoli e quelli più grandicelli. I cinni grandi guerreggiavano con armi pericolose e tiravano cannonate con il pallone, quelli piccoli si trastullavano con millegiochi, le femmine conoscevano centinaia di filastrocche ed erano imbattibili a zoppo galletto.
Tutti i cinni, grandi, piccoli, maschi e femmine, parlavano una lingua particolare: un gergo a metà tra il dialetto bolognese di nonni e genitori e l’italiano ufficiale di maestri e maestre. Ma se qualcuno parlava con la lisca tutti dicevano che suzzizava(...). Una volta era il tempo delle favole, che pullulavano di re, regine, fate, principi azzurri e principesse, ma anche di streghe, orchi e uomini selvatici. Però qualunque favola terminava sempre con: “..e vissero tutti felici e contenti.”. Ma una volta, appunto, è l’inizio di una fòla…».
Ecco un libro che ci riporta ad un tempo che ormai sembra fiabesco, per rivivere quelle giornate riprovando le stesse gioie. Per far conoscere ai più giovani una realtà tanto distante eppure tanto vicina. “L’almanacco dei cinni” è infatti una sorta di abbeccedario illustrato con immagini di bambini degli anni cinquanta di fotografi bolognesi, una specie del tempo dei cinni. Un libro che, dalla A alla Z, rievoca svaghi, modi di dire, miti con i quali sono cresciuti i quarantenni di oggi: coperchini e cerbottane, tutti i divertimenti dei bambini di quegli anni. Il tutto tradotto anche in dialetto bolognese da Fausto Carpani e Luigi Lepri, grandi difensori della tradizione e della cultura bolognese.

COMMENTI

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna


CONDIVIDI la pagina

Dello stesso autore
Della stessa collana

Informazioni aggiuntive

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Policy Cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Policy Cookies. Cliccando su Attiva Cookies, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di più sui cookies che utilizziamo leggi le nostre policy cookies.

Accetto i cookies da questo sito.